Lunedì 23 maggio 2022 ore 21:55 Totale 844 testi di cui 756 di Tecnica di Fotografia.
119682
 
Tecnica di Fotografia
Dizionario
di ternimi tecnici Fotografici
 

Una simpatica storiella trovata nel web, sulle fototessere. Davvero molto carina!

e-mail Contattaci

 


MTF
"Modulation Transfer Function", è un sistema di misurazione della nitidezza e contrasto delle lenti. Molti test sono basati su MTF.

MULTICOATING
Trattamento antiriflesso delle lenti basato su una stratificazione plurima.

MULTIGRADE
Carta in bianco e nero a contrasto variabile.

NANOMETRO
Miliardesimo di metro. Unità di misura (simbolo nm) della lunghezza d'onda delle radiazioni elettromagnetiche comprese attorno alla regione del visibile.

ND
Neutral density, grigio neutro.

Normale o Standard (obiettivo)
obiettivo con prospettiva simile alla visione umana. Per il formato 35mm, è tradizionalmente il 50mm

NUMERO DI EMULSIONE
Numero di serie segnato dai fabbricanti su ogni partita di pellicole o carta fotografica. È utile nella ricerca e nella verifica di difetti di fabbricazione. Per garantirsi una costanza di risultati, è bene utilizzare pellicole con lo stesso numero d'emulsione.

NUMERO GUIDA
Indica la potenza del flash. Dividendo il numero guida (NG) per la distanza in metri a cui si trova il soggetto, si ottiene il valore di diaframma da utilizzare, per una corretta esposizione. È riferito a una precisa sensibilità di pellicola (normalmente 100 ISO) e deve essere variato in funzione delle altre sensibilità.

OBIETTIVO A FUOCO FISSO
Obiettivo montato su una macchina priva di sistema di regolazione della messa a fuoco. Viene in genere calcolato in modo che l'apertura di diaframma e la focale garantiscano una profondità di campo estesa da pochi metri all'infinito.

OBIETTIVO ACROMATICO
Obiettivo che mette a fuoco perfettamente due colori dello spettro, normalmente il blu e il verde, nel medesimo punto. Un obiettivo acromatico è generalmente sufficientemente corretto anche per altre lunghezze d'onda. Gli obiettivi sono in genere di questo tipo.

OBIETTIVO ANAMORFICO
Obiettivo ad elementi prismatici o cilindirici che produce un'immagine con un angolo di campo maggiore in una direzione rispetto all'altra. La dimensione minore può essere allargata e resa simile all'altra, usando un obiettivo analogo in stampa o in proiezione, come avviene al cinema.

OBIETTIVO ANASTIGMATICO
Obiettivo calcolato per correggere alcuni difetti ottici, compreso l'astigmatismo. Termine che spesso viene liberamente applicato ad obiettivi con tre o più elementi.

OBIETTIVO APOCROMATICO
Obiettivo che converge tre colori dello spettro, normalmente blu, verde, rosso, nel medesimo fuoco. Rappresenta un obiettivo corretto in maniera eccel-lente anche per le altre lunghezze d'onda.

OBIETTIVO ASFERICO
Obiettivo dotato di almeno una superficie di una delle lenti con profilo asferico. Dotato generalmente di un'ottima correzione delle aberrazioni.

OBIETTIVO BELLOWS
Per la macrofotografia sono disponibili obiettivi ad alta risoluzione privi di elicoidale per la messa a fuoco. Questa avviene montando l'obiettivo bellows sul soffietto per macrofotografia(in inglese bellows).

OBIETTIVO CATADIOTTRICO
Obiettivo che utilizza due specchi per formare un'immagine, anziché le lenti. Consente di ridurre le dimensioni anche per notevoli lunghezze focali.

OBIETTIVO DA RIPRODUZIONE
Obiettivo fortemente corretto per la riproduzione di illustrazioni destinate alla successiva riproduzione fotomeccanica. Si tratta normalmente di un obiettivo macro che copre un grande formato.

OBIETTIVO DECENTRABILE
Per la correzione delle linee cadenti nelle foto di architettura alcuni fabbricanti propongono obiettivi decentrabili che consentono una correzione prospettica anche con gli apparecchi di piccolo formato. Questo obiettivo è anche detto shift (decentratele) o PC(perspective control, per il controllo della prospettiva).

OBIETTIVO FLOU
La speciale costruzione ottica o l'utilizzo di speciali diaframmi a forellini, consente a questi obiettivi di fornire effetti morbidi nella fotografia di ritratto

OBIETTIVO GRANDANGOLARE
Obiettivo con una lunghezza focale inferiore alla diagonale del negativo su cui viene impiegato, fornendo un angolo di campo ampio, generalmente superiore a 60°.

OBIETTIVO LUMINOSO
Obiettivo con un'ampia apertura in relazione alla sua lunghezza focale; vengono ad esempio denominati così un obiettivo di 50 mm con un'apertura massima di f/1.2, o un obiettivo di 400 mm con un'apertura massima di f/2.8

OBIETTIVO LUNGO FUOCO
Obiettivo di focale superiore a quello normale, costruito con schema ottico tradizionale e quindi con dimensioni effettive pari alla lunghezza focale.

OBIETTIVO MACRO
Obiettivo progettato per lavorare a distanze ravvicinate e fornire immagini con rapporto di ingrandimento fino a1:1 o superiore.

OBIETTIVO MEDICAL
Per la ripresa ravvicinata di carattere medico/scientifico, sono disponibili obiettivi corretti per la ripresa a distanza ravvicinata e dotati di flash anulare incorporato, il quale consente una perfetta illuminazione senza la presenza di ombre

OBIETTIVO NORMALE
Obiettivo con lunghezza focale all'incirca uguale alla diagonale del formato del negativo fornito dall'apparecchio fotografico. Inquadrando con uno di questi obiettivi non si nota una grande differenza rispetto all'altro occhio

OBIETTIVO RETROFOCUS
Obiettivo caratterizzato da uno schema ottico dotato di un elemento anteriore divergente e uno posteriore convergente. La distanza obiettivo piano focale risulta superiore alla lunghezza focale. È adatto all'uso con le reflex, dove è necessario avere posto per lo specchio dietro l'obiettivo.

OBIETTIVO TELE
Obiettivo con angolo di campo inferiore a quello di uno standard. È costituito da un gruppo ottico anteriore convergente e uno posteriore divergente. I teleobiettivi (a differenza degli obiettivi lungo fuoco) sono caratterizzati da una distanza obiettivo piano focale inferiore alla lunghezza focale dell'ottica. Ciò consente di contenere le loro dimensioni.

OBIETTIVO ZOOM
Obiettivo complesso a focale variabile. Consente di coprire con variazione continua tutti gli angoli di campo consentiti tra la minima e la massima focale.

OMBRA
In termini di esposizione o sensitometrici, l'ombra rappresenta il tono importante più scuro nell'inquadratura. Si dicono "ombre" le zone scure del soggetto e, per estensione, dell'immagine finale.

OMBRELLO
In studio è usato frequentemente per ammorbidire la luce. Facile da spostare o trasportare. Utile anche per esterni



Fotografia Matrimoniale
Riprese Cine Matrimoniali
Fotografia in Studio
Foto Bambini
Still Life

PENCIL ©
Copyright 1999-2022

TUTTI I DIRITTI RISERVATI
  .
   

Back to top

| Dove siamo | Contattaci | Privacy | Copyright 1999-2022 - Gorini Andrea - P.IVA 01567590409 |